Manifesto sostenibilità

Contenuto del Manifesto

Unilever Italia e i Giovani Imprenditori di Confindustria invitano tutte le imprese che sostengono, o intendono sostenere, un percorso di crescita sostenibile, a condividere i principi e gli orientamenti contenuti nel presente Manifesto della Sostenibilità e della Crescita per le imprese italiane.
Il Manifesto è una carta di obiettivi-guida a cui tutte le realtà produttrici italiane possono aderire volontariamente, per testimoniare al Paese la volontà di mettersi in gioco per supportare le istituzioni nella realizzazione del grande progetto di crescita sostenibile, delineato con la Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile presentata dal Ministero dell’Ambiente in linea con gli SDGs delle nazioni unite.

I 10 punti del Manifesto

Nel firmare il Manifesto, le imprese si impegnano a considerare queste 10 linee guida come alternative valide per far crescere il loro business diminuendo l’impronta ambientale e aumentando l’impatto sociale positivo delle loro attività.

OBIETTIVI METODOLOGICI

  • 1 Presa di coscienza e incorporazione della Sostenibilità nella cultura aziendale così come delineata dai principi enunciati nella Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile per le aree di azione Prosperità, Pianeta e Persone.

  • 2 Guidare il cambiamento con modelli di lungo periodo. Le imprese si impegnano a monitorare il cambiamento e a misurare il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità, per sviluppare una strategia di medio – lungo periodo che accompagni progressivamente le buone pratiche produttive.

  • 3 Divenire interpreti dei territori. Le imprese si impegnano a farsi ponte e favorire l’interazione tra Stato, corpi intermedi e cittadini per uno sviluppo sostenibile delle aree dove esse operano.

  • 4 Realizzare un modello sostenibile di produzione made in Italy. Le imprese si impegnano a favorire la creazione di una catena della produzione maggiormente sostenibile, con una valutazione completa del ciclo di vita dei prodotti e delle tecnologie, dalla produzione allo smaltimento.

  • 5 Educare al consumo sostenibile. Attraverso la propria immagine e brand, le imprese si impegnano ad attivarsi per affermare modelli sostenibili non solo di produzione, ma anche di consumo rispetto ai loro prodotti.

OBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ

  • 1 Investire in green economy. Le imprese si impegnano a ripensare le modalità di produzione per ridurre l’impatto sulle popolazioni che “vivono” l’azienda, investendo nell’ “economia verde” (energia rinnovabile, gestione delle risorse naturali e finanziarie, soprattutto se pubbliche, economia “circolare”).

  • 2 Innovare nel sociale attraverso il business. Le imprese si fanno interpreti del bisogno di cambiamento promuovendo: equità sul lavoro, diversità come simbolo di innovazione ed arricchimento, inclusione delle categorie svantaggiate.

  • 3 Rilanciare lo sviluppo sostenibile delle aree depresse del territorio italiano. Le imprese promuovono la diversificazione delle attività soprattutto nelle aree rurali, montane e interne attraverso il turismo sostenibile, lo sviluppo urbano, l’industria turistica, l’artigianato locale e il recupero dei mestieri tradizionali.

  • 4 Promuovere la sostenibilità attraverso l’innovazione tecnologica. Le imprese utilizzano la digitalizzazione per rendersi “internamente” sostenibili. Promuovono la ricerca scientifica, la cultura della salute e della prevenzione, una connessione diretta tra realtà produttiva e centri di ricerca.

  • 5 Pensare internazionale. Le imprese promuovono modelli di collaborazione internazionale per la prevenzione e la gestione dei flussi di migranti, attraverso il rafforzamento delle capacità istituzionali, la creazione di impiego e di opportunità economiche (anche in collaborazione con organizzazioni internazionali).